Sacra Sindone

LA SACRA SINDONE

La Sacra Sindone, da sempre, è reliquia di gran fascino, meritevole di fede e venerazione.
Di questo mistero colpisce lo stretto rapporto tra l’impronta sul telo e le Sacre Scritture, a riprova che trattasi davvero del lenzuolo che raccolse il corpo deposto di Gesù; infatti, solo un miracolo avrebbe potuto lasciare un’immagine indelebile sul lenzuolo.

Questa “Relazione sulla Sindone”, è a cura di Lorenzo Lastilla ex allievo di mons. Giulio Ricci. Lorenzo, attraverso il suo modesto contributo, desidera rendere omaggio alla memoria di mons. Ricci poiché, quasi mai, egli è citato e ricordato quando si parla del “mistero” della Sindone.
Mons. Giulio Ricci fu uomo e sacerdote di gran fede, d’elevata cultura, autorevole e appassionato studioso della Sindone e fu assoluto assertore nel sostenere che l’impronta dell’Uomo della Sindone appartiene proprio a Cristo crocifisso, morto e sepolto.


Per approfondire il tema, clicca sull’immagine

Sindone-Sacre Scritture